"Historiae Morborum" - I protocolli ambulatoriali di Franz von Ottenthal

 

 

 

Un progetto nell'ambito del Programma di iniziativa comunitaria INTERREG III Italia-Austria 2002-2007

 

Negli anni fra il 1847 e il 1899, il medico generico Franz v. Ottenthal (1818-1899) gestiva un ambulatorio a Sand in Taufers/Campo Tures, il paese principale della giurisdizione di Taufers/Tubre. Il circondario dal quale l´ambulatorio reclutava la sua clientela comprendeva tutta la giurisdizione, cioè l´intera valle Aurina, una delle valli laterali della val Pusteria. Nel 1847 la giurisdizione di Taufers/Tubre contava 10.315 abitanti.

 

neumelansred

Il castello di Neumelans a Campo Tures nel quale Ottenthal viveva con la sua famiglia ed aveva istituito il suo ambulatorio (fotografia, ca. 1910, archivio privato di Ing. Horst Schober, Hall i. T.)

 

Non c'erano molti altri medici legalmente riconosciuti: un altro medico generico esercitava la sua professione a Sand in Taufers/Campo Tures espletando anche le funzioni del medico condotto e un chirurgo artigiano risiedeva a Steinhaus/Ca´di Pietra nel fondovalle. La farmacia più vicina, invece, si trovava a Brunico.

È possibile seguire molto da vicino la lunga attività di Franz v. Ottenthal: l´Archvio Provinciale di Bolzano (D.ssa Christine Roilo), infatti, ha trovato nel 1998 una fonte archivistica eccezionale. Nel solaio della casa di abitazione del medico ancora di proprietà dei suoi discendenti vennero ritrovati i suoi manoscritti: si tratta di una serie di quaderni di vario spessore - di cui alcuni portano l´intestazione "Historiae Morborum" - in formato protocollo. In questi quaderni il medico annotava, giorno per giorno, anno per anno le sue osservazioni sui pazienti. Le singole annotazioni, scritte in latino, assomigliano per la loro struttura ai record di una banca dati: infatti, la loro caratteristica principale è quella del numero corrente non condiviso, che, nell´arco di un anno, è assegnato una volta sola. Il singolo "record" poi comprende sei campi che contengono varie informazioni relative a nome, età, sesso e abitazione del paziente, poi la data della visita, il riassunto del colloquio avuto con la descrizione dettagliata dei sintomi e disturbi, l´elenco delle medicine prescritte, ed, infine, l´onorario del medico ovvero il costo delle medicine prelevate dalla farmacia privata di Ottenthal. Su ogni pagina dei suddetti quaderni si trovano in media quattro di questi record, che alla fine degli oltre cinquant´anni dell´attività di Ottenthal raggiungono la cifra strabiliante di 85.000. Ma, poichè ogni "record" o numero corrente contiene il resoconto di più di una visita, il numero delle visite supera di gran lunga il numero dei record stessi: una cifra esatta può essere calcolata solo alla fine del progetto in corso. Solo allora si potrà indicare anche il numero esatto dei pazienti di Ottenthal, di molti dei quali possiamo seguire lo stato di salute - e non solo quello - per un periodo anche lungo. Si potrà, inoltre, delinearne il background sociale e rispondere a svariate domande relative alla mortalità, nuzialità, natalità, alle strutture di parentela della popolazione locale, ecc. usufruendo anche di altre fonti archivistiche, come, per es., i libri parrocchiali o i libri di archiviazione dei giudizi.

Lo stato di salute di una popolazione quasi esclusivamente contadina, che risiede entro un contesto geografico ed economico non facile (paesaggio montuoso caratterizzato da fattori climatici estremi, inverni lunghissimi e durissimi, generale mancanza di infrastrutture e scarsezza di vie di comunicazione) è qui documentato con una eccezionale quantità e qualità di dati. La ricerca storica finora ha potuto avvalersi solo di fonti prodotte da un ambiente urbano, il quale, almeno fino alla fine del secolo decimonono, si presenta del tutto diverso da quella rurale, per quanto riguarda i fattori di inquinamento, pericolo di contagio e cause di mortalità. La ricerca storica sullo stato di salute del mondo contadino è solo agli inizi, anche a causa della scarsità di fonti documentarie valide che, se certamente sono esistite in gran numero, non sono giunte sino a noi. I quaderni di Franz v. Ottenthal sono quindi una scoperta notevole: questo fondo archivistico, infatti, rappresenta un importante patrimonio documentario da cui partire per molte e differenti ricerche scientifiche che potranno essere di grande rilievo non solo per la valle Aurina ma per tutte le regioni dell´arco alpino.