Il corso di laurea in diritto italiano 

Il corso di laurea in diritto italiano è composto da due parti. Il primo ciclo è basato su due semestri, il secondo su sei. La prima parte pone i fondamenti (introduzione al diritto privato e diritto pubblico; tecniche giuridiche; diritto privato romano; storia del diritto; economia; diritto costituzionale e teoria generale dello Stato). La seconda parte è dedicata ad altre materie del diritto italiano vigente (diritto civile, procedura civile, diritto amministrativo, diritto penale e processuale penale, diritto del lavoro, diritto commerciale) come anche al diritto europeo e internazionale. Oltre a ciò ci sono materie opzionali come il diritto finanziario o scienze politiche. L'enfasi del corso è sulle materie del diritto italiano (circa il 75% delle ore complessive). Le materie del diritto italiano vengono insegnate in lingua italiana, che è anche la lingua delle verifiche. Alcune materie sono insegnate anche in tedesco (introduzione, diritto costituzionale, diritto finanziario, in parte diritto civile e diritto amministrativo). Ogni anno accademico vengono offerte anche lezioni di terminologia giuridica comparativa al fine di rendere possibile l’approfondimento delle competenze linguistiche tecniche nelle lingue italiano e tedesco. 

L’insegnamento del diritto italiano a Innsbruck è caratterizzato da una combinazione di diversi fattori. A causa della stretta collaborazione con l'Università di Padova, i suoi rappresentanti (professori) eccellenti italiani tengono le lezioni e garantiscono un livello di competenza altamente qualificata. La formazione giuridica italiana di base teorica è integrata dall’orientamento alla pratica della formazione austriaca. A questo si aggiunge un ottimo rapporto tra studenti e insegnanti, che permette uno scambio diretto tra questi ultimi e gli studenti. I piccoli gruppi nei corsi permettono discussioni tecniche approfondite. 

Un altro punto di forza  dell’insegnamento è rappresentato dai corsi bilingui e in genere dall'istruzione  terminologica ad alto livello in tutte le materie. In questo modo le competenze linguistiche degli studenti aumentano considerevolmente durante lo studio. Ciò corrisponde alle esigenze specifiche della vita giuridica altoatesina, cioè di essere in grado di usare correttamente la terminologia giuridica di entrambe le lingue. Tale particolarità dello studio del diritto italiano a Innsbruck è punto di richiamo anche per gli studenti del mondo giuridico italiano e tedesco in generale, i quali sono interessati non solo ad ottenere una solida formazione giuridica, ma anche ad acquisire competenze terminologiche fondate nelle lingue tedesco e italiano. Questo si specchia anche nell’offerta di corsi di diritto italiano da parte dell'Istituto per gli studenti del diritto austriaco. Analogamente si offre un approccio comparativo.

 Il succo del corso di diritto italiano

 brochure sul corso