Figurazioni della migrazione italiana nel cinema
Conferenza/Workshop all'Università Leopold-Franzens di Innsbruck

FilmstreifenKairoFilme

Quando: Da giovedì 31 marzo (Inizio: ore 14)
a sabato 2 aprile 2011 (Fine: ore 14)
Dove: Sala Claudiana
(Herzog-Friedrich-Str. 3, Centro Storico di Innsbruck)

Organizzazione: Sabine Schrader, Daniel Winkler

I termini migrazione e nascita dello stato in Italia sono così strettamente legati l'un l'altro come la storia del cinema con la formazione della nazione; ed è proprio il film storico a divenire il film per eccellenza in Italia. Nel passaggio tra il XIX e XX secolo numerosi italiani provenienti dal meridione migrano verso l'Italia settentrionale e in America, mentre nel film muto dell’Italia unita appaiono immagini di eroi che avranno ripercussioni a lungo termine. Rispetto a questi avvenimenti, a partire dagli anni Cinquanta, le diverse apparizioni del cinema di migrazione narrano, spesso in modo retrospettivo, di un'Italia che si concentra, oltre che sulla tematica principale della famiglia, soprattutto sul tema della crisi e, in particolare, sul mito (storico) dell'America e dell'Europa nord-occidentale –sia in forma di un’identificazione proiettiva degli emigranti sia sotto forma di un gioco (di genere).

L'Italia è stata molto più influenzata da esperienze di migrazione rispetto a molti altri paesi europei: ne sono esempio la migrazione interna dal Sud al Nord Italia che perdura ancora oggi e che trova una forte risonanza nel Neorealismo, la migrazione di massa, in particolare in direzione dell’Europa occidentale e dell’America settentrionale e meridionale, che nell'immaginario collettivo viene associata ai film sulla mafia, nonché il movimento d'immigrazione proveniente dal Mediterraneo sud-orientale che è iniziato solamente pochi anni fa ed ha incontrato la sua realizzazione cinematografica nel Nuovo Cinema Italiano degli ultimi decenni.

Queste tre forme di migrazione non sono solo dei soggetti cinematografici, ma influenzano la storia del cinema italiano anche a livello di genere apportando, tra l'altro, un contributo al valore del dramma storico.

Lo scopo della conferenza / del workshop consiste nell'illustrare le prospettive diacroniche e sincroniche dei fenomeni della a) emigrazione, b) migrazione interna Sud/Nord e c) immigrazione.

Intenzionalmente non verranno effettuate limitazioni nella scelta di cineasti con background migratorio o di film d'autore italiani. Nell’ambito del cinema transnazionale possono essere oggetto di studio anche i film di serie B oppure produzioni non-italiane.

Sostanzialmente si dovranno associare domande di scienze della cultura con altre di estetica cinematografica. Saremo pertanto lieti (partendo dal presupposto che si lavori su un/una tematica, autore, film ecc.) se si creasse una sintesi dei singoli generi e delle forme rappresentative di migrazione ad essi associate:

  • Quali sono i metodi estetici e i generi cinematografici che trasmettono la narrativa e, in particolare, la figurazione della migrazione?
  • Qual è la relazione tra i generi classici (melodramma, film storico, film sulla mafia) e l’ibridazione dei generi?
  • Come viene autentificata e metaforizzata l'esperienza della migrazione?
  • Come si realizza il movimento nei film? Qual è la relazione tra spazi aperti e spazi chiusi?
  • Come si possono stabilire nel contesto italiano, in confronto agli altri cinema europei, dei generi come ad esempio il cinema di (e)migrazione considerando la produzione e la storiografia cinematografica?

Il workshop è indirizzato in particolare agli studiosi in qualità di ricercatori. Oltre che dagli italianisti sono auspicabili contributi da francesisti, americanisti, germanisti, nonché dalle discipline cinema, cultura e storia.

Il programma ed ulteriori informazioni li troverete qui a partire da metá gennaio 2011.

Utitlizzo delle foto con
il gentile permesso
dell'associazione Kairofilms

La conferenza è promossa da:

Logo der Universität InnsbruckLogo des Italien-ZentrumsLogo CENT Logo KIKLogo des Forschungszentrums Prozesse der LiteraturvermittlungLogo Land TirolLogo Land Vorarlberg
Logo des Bundesministerums für Wissenschaft und ForschungLogo der Autonomen Provinz BozenLogo der Schweizerischen BotschaftLogo der Stiftung Fürstl. Kommerzienrat Guido FegerLogo der Botschaft der USA in Wien